finanza e politica

martedì, novembre 21, 2006

C'è anche chi prende posizione.

Leggo da un po' di tempo gli articoli di C. Minter su trend on line. Uno di quelli che ha il coraggio di dire come la pensa e che supporta i suoi ragionamenti con dati precisi. Vi invito a leggerlo cliccando sul nome. Anch'io penso che gli economisti siano dei pessimi anticipatori, soprattutto quando per lavoro fanno parte del board di una banca centrale, che lo ribadisco, non dirà mai con precisione che ci stiamo avvicinando alla recessessione. Il motivo è molto semplice: dichiarazioni del genere manderebbero nel panico i mercati, e si ricadrebbe nell'altro eccesso delle cosiddette previsioni che si autoavverano. Quindi come sempre tocca a noi capire e proteggere i nostri investimenti.
In ogni caso propongo grande cautela perchè i mercati possono ancora salire, e anche molto, sfidando come sempre le leggi di gravità. Il trend al rialzo è solidissimo, e la norma per i mercati, non è l'equilibrio, ma l'eccesso........in un senso e nell'altro. Oggi forse l'eccesso è verso il rialzo.

Sono completamente d'accordo con Minter che un possibile momento di inversione potrebbe avvenire subito dopo un ribasso dei tassi da parte della FED, in quel momento entreranno sul mercato i rialzisti dell'ultima ora, che ascoltando le previsioni forzatamente rosee degli economisti e le chiacchiere "da bar" lascieranno i sicuri BTP e compreranno a piene mani. Quello a mio avviso sarà il massimo. e si sa, una volta raggiunta la cima non si può che scendere........

Per ora invece ha ragione, e devo ammettere, tanto di cappello, il rialzista Evangelista, un'altro che in tempi non sospetti si è sbilanciato e che ha compreso perfettamente il trend in atto.

6 Comments:

Posta un commento

<< Home