finanza e politica

martedì, aprile 19, 2011

Un lettore mi ha scitto un commento che condivido pienamente:

" Il fenomeno della fusione fredda, era (ed è stato) solo di laboratorio perchè privati e istituzioni (mediamente controllate dagli stessi privati) non hanno mai avuto interesse a finanziare (piuttosto ad ostacolare) ricerche nel campo della ff sviluppando una tecnologia affidabile e industrializzabile. La tecnologia è relativamente economica a confronto di quella utilizzata delle grandi industrie energetiche e quindi poco monetizzabile. La cosa non piace affatto ai piani alti. Se avessero dedicato solo 1 millesimo dei finanziamenti che hanno dedicato dagli anni 80 ad oggi per la fusione calda (che ancora oggi è una chimera) non potresti parlare di fenomeno di laboratorio. L'industrializzazione di un apparato che sfrutti il fenomeno ff sarebbe già da un pezzo avviato. Oggi mi aspetto che il tentativo già avviato di industrializzazione dell'E-Cat di Focardi&Rossi, dovrà superare diversi ostacoli burocratici (a partire dalla concessione del brevetto). Non mi aspetto una strada in discesa. "

Lo penso anch'io, ma i tempi sono maturi per un grande cambiamento; la strada sarà difficile, ma le risorse dell'uomo sono eccezionali e alla fine permettono sempre l'evoluzione del sistema.

9 Comments:

Posta un commento

<< Home