finanza e politica

giovedì, novembre 08, 2007

Niente panico in Italia........

Stamattina apertura debole in Italia e in Europa, ma senza panico.........qundi da buon contrarian dico che si scende ancora un po'. Come sempre mi sbilancio, ma questo è un blog mica il Sole 24 Ore.
Ieri ho chiuso lo short su STM........in automatico il Take Profit è scattato alla chiusura del gap up aperto qualche giorno fa. Un movimento da manuale.

Poi, sempre ieri, ho fatto la stupidata quotidiana......comprando un po' di Telecom. Ho chiuso tutto 10 minuti fa chiudendo in pareggio........non mi fido della trimestrale e tanto meno dei nuovi vertici. Poi magari mi sbaglio, perchè adesso c'è di mezzo Geronzi, grande manipolatore quindi tutto è possibile. Ma in questi giorni ci vuole prudenza.
Poi se scende ancora entrerò con option call sull'indice o sui titoli che hanno sofferto di più. Se sarò davanti la PC entrerò con le option nel momento di massimo panico.
Qualcuno mi dirà: come si capisce il momento di massimo panico? Ehhehehe.......ci vuole esperienza, spirito di osservazione, capacità di sopportare lo stress e il rischio e.........tanto tanto c...........

1 Comments:

  • Un calcio dalla Casta

    http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=2385¶metro=politica

    Maurizio Blondet si è incazzato.
    Con Giulietto Chiesa che lo ha definito “fascista” e si rifiuta di tenere dibattiti con lui presente.
    Un po’ gli sta bene, che apprenda la lezione.
    Che il “nemico” non è Borghezio o il maiale di Calderoli.
    La Casta non è la Lega Nord, ma ben di peggio.
    Blondet viene ferocemente attaccato perché ha capito (un po’ dopo Fottilitalia) che la casta è il sistema di potere italiano, ossia l’intreccio cattocomunista costituito da “burocrazia inadempiente”-politici di professione-sindacati di regime-grandi interessi economici parassitari.
    In luogo di un popolo inesistente costoro gestiscono lo stato.
    La Casta odia Berlusconi, nonostante la sua capacità di sintesi pari a quella di un novenne, perché non può controllarne al 100% i media come dovrebbe avvenire in un vero stato “democratico” stalinista.
    La Casta detesta i meridionali perché non si piegano al diktat “zitto e paga” che così ben funziona coi beoti polentoni, e li accusa di essere mafiosi.
    Per la Casta uno zingaro criminale è meno pericoloso di Blondet perché non mette in discussione i privilegi dei “castisti”; anzi meglio tenerselo buono, il rom, che col diritto di voto può tornare utile per puntellare il potere. Perciò chiunque discuta l’ingresso di chicchessia, diviene automaticamente fascista, razzista ecc.
    Quanto a Giulietto Chiesa, egli è, “ sic et simpliciter”, il perfetto MALATO DI MENTE COMUNISTA e totalitarista, di quelli che sono “razzisti verso i razzisti”. La negazione di ogni libertà, di ogni metodo dialettico che non siano quelli certificato dal dogma marxista. Come nella Romania di Ceausescu, in cui anche i libri di fisica quantistica dovevano essere approvati dal capo supremo.
    La casta non può platealmente abolire le elezioni, ma sta studiando riforme elettorali, sbarramenti per consentire di votare solo i suoi fidati satrapi.
    Chiesa è un killer mediatico, un esecutore ineffabile per le sentenze di morte (solo?) mediatica emesse della combriccola criminale. E’ il Goebbels della situazione.
    Che si renda conto Blondet che questo è il prezzo da pagare per una unità “nazionale” senza un nazione. Una bolgia efferata che s’impadronisce dello stato per portare avanti i suoi torbidi interessi privati, in qualche modo imbevuti di ideologia.
    Anche lui, l’”impolitico”, come la maggioranza degli “italiani”, lo capirà quando sarà troppo tardi.

    Canna-Power Team

    Messaggio n°216 del 08/11/2007

    www.fottilitalia.com
    il sito anti-italiano per eccellenza

    PODCAST: http://www.fottilitalia.com/ABpodcasting.rss

    By Anonymous Anonimo, at 11:25 AM  

Posta un commento

<< Home