finanza e politica

sabato, maggio 21, 2011

Se vi sembrano pochi?




I giornali italiani, hanno volutamente messo il silenziatore a ciò che succede in Spagna. Soprattutto i giornali di sinistra: se andate a vedere sui siti di Corriere e Repubblica la notizia la trovate molto indietro e in piccolo sulla Home page.


Eppure le piazze spagnole piene di giovani da 1 settimana fanno impressione.


La difficoltà dei partiti e direi dell'economia tutta ad offrire prospettive ai nostri giovani (soprattutto laureati e diplomati) è evidente. La Spagna con il suo altissimo tasso di disoccupazione è il paese di punta di questa protesta, e il suo governo di sinistra è l'emblema dei parolai incapaci di proporre azioni concrete. Ma il problema dei giovani è il problema del nostro tempo e di tutta l'Europa.


Aggiungo che il problema non è il precariato, ma la mancanza di prospettive concrete di miglioramento per la maggioranza dei giovani.


La sfida, non è solo la crescita, ma è uno sviluppo che permetta a diplomati e laureati di trovare occupazioni consone con le loro aspettative. In questo tutta la classe politica è arretrata e spesso mostra una ignoranza terrificante, a partire dai vecchi tromboni della sinistra di governo europea o italica.


9 Comments:

Posta un commento

<< Home