finanza e politica

mercoledì, agosto 30, 2006

La sinistra e il fenomeno dello schiacciamento dati

Mi ricollego a quanto scritto da Zener nel suo articolo "Impresa e competitività". Concordo conpletamente con lui sugli effetti che le nuove circolari di Visco avranno sulle imprese e la loro competitività e vorrei aggiungere alcune considerazioni generali:
1. è tipico dei regimi comunisti il tentativo di controllare tutto e tutti, di sapere tutto ciò che si muove fino ad arrivare al controllo sulle inprese e sulle persone. Io ricordo che nell'89 in polonia bisognava ancora chiamare i telefoni di stato per fare un numero telefonico. In URSS o in DDR (Germaina Est) tutto passava per i centralini, e non esistevano elenchi telefonici. Tutto doveva essere assolutamente controllato e controllabile. Oggi Visco parla di tracciabilità. E' cambiata la parola, c'è l'informatica ma i concetti sono gli stessi!
2. tutti si dicono liberali, e al governo parlano solo di liberalizzazioni, poi quando si vanno a vedere le applicazioni....... be' mi viene in mente la battuta di un mio vecchio collaboratore che avendo avuto a che fare con molte amministrazioni pubbliche gestite da DS mi diceva "quelli vogliono contarmi anche i peli del culo".
Terrificante!!!! anche perchè oltretutto anche lasciando da parte le teorie liberali, il conflitto ideologico, e prendendo per buone le assicurazioni del buon Visco sulla bontà delle sue intenzioni, rimane sempre un problema tecnico insormontabile. Quello che gli esperti chiamano "Effetto da schiacciamento dati". Quanti più dati possiedi, meno li controllli e ancor meno li governi. Il risultato finale è un sistema enorme, ridondante e totalmente fuori controllo.
Pensateci un po': per controllare tutti i dati immagazzinati saranno necessari altri controllori, e poi altri sistemi più efficienti, che necessiteranno di ulteriori impiegati, aumenteranno così i passaggi e diminuirà la possibilità di controllare realmente il sistema. In compenso aumenteranno ancora le spese della macchina pubblica e diminuiranno le imprese schiacciate da una serie di adempimenti inutili e improduttivi. Pensate al contrario agli imprenditori efficienti che chiedono dei "cruscotti aziendali semplificati" che sacrificano qualcosa alla completezza dei dati ma che permettono di controllare in tempo reale l'azienda e di prendere tempestivamente le decisioni.
Caro Visco la tua è una sub cultura anche dal punto di vista tecnico; per combattere l'evasione fiscale il metoto non è la tracciabilità di ogni singola operazione, no! Il sistema è quello di individuare alcuni indicatori (pochissimi e possibilmente semplici) con cui tener sotto controllo le imprese, e creare un gruppo di controllori capaci di osservare tali indicatori e che in caso di forti discrepanze possano intervenire e verificare ed eventualmente sanzionare i colpevoli, in tempi rapidi e certi.
Insomma non è con la tracciabilità di ogni singola operazione che si ridurrà l'evasione, ma con un sistema di controlli a campione, precisi, rapidi e con pene certe per gli evasori.
Ricorda caro Visco che il sistema dell'URSS che voleva controllare tutto è imploso su se stesso, in quanto il numero dei controllanti era divenuto superiore ai controllati. Oppure ricorda che nei manuali di management (made in USA) si dice che quando una azienda ha spese generali e amministrative (e qundi ha spostato il core su amministrazione e controllo e ridotto la produzione) superiori al 50% del fatturato non ha speranze!

Meditate gente! Meditate.

6 Comments:

Posta un commento

<< Home