finanza e politica

martedì, aprile 04, 2006

fare il trader è anche scuola di vita

In questi giorni grazie, o meglio a causa, della campagna elettorale, tutti parlano di tasse, di capital gain, di finanza creativa. Bah. Quanta confusione, quanti inutili schiamazzi. Chi opera sui mercati finanziari da molti anni, e quindi ha dimostrato in primis a se stesso di essere capace di sopravvivere agli alti e bassi, sa riconoscere gli schiamazzi inutili, le voci messe in giro ad arte per invogliare una folla sognatrice ed ignorante ad acquistare quel titolo e, ancora peggio, a consigliarlo ad amici e parenti. E' necessario riscoprire il ragionamento, l'approfondimento, lo studio, e solo allora si possono dare giudizi, formulare proposte. E' incredibile come tutto e il contrario di tutto venga buttato nel calderone della politica. In questo quadro desolante mi sento di dare un + e un -. Il + per la coerenza va a Tremonti che cerca sempre di argomentare, di spiegare, ciò che fa, e quando il tempo dei media e l'attenzione del telespettatore non lo consente, rinvia a testi, articoli, proposte di legge da lui fatte in passato. Io consiglierei a molti di andare a leggere ciò che tremonti ha scritto in passato e che poi con tanta fatica ha messo in pratica. Due cose sopra tutto: il "libro bianco" sul ministero delle finanze scritto da Tremonti nel dicembre del 97 (spero di non sbagliarmi, era al termine del primo governo Berlusconi) e i suoi interventi a Comitato per il Credito e il Risparmio in cui metteva in guardia dai grandi crack e arringava Fazio. Chi ne ha voglia legga e poi, solo dopo giudichi.

Il - per l'incoerenza va a Prodi, lui il Prof di economia, laureato e con master alla London School of Economics che ci elargisce sorrisi e buonismo, ma che non spiega mai come farà a rimettere in sesto il paese e a trovare le risorse. Eppure dovrebbe ricordarsi bene degli introiti della legge sul capital Gain.........visto che nel 98 era lui al governo. Solo populismo, mi sembra una di quelle aziende del nuovo mercato che ti vendevano azioni a prezzi strabilianti dicendo che avrebbero avuto ROI altissimi. Passi Bertinotti, e Pecoraro Scanio, ma da te prof, questi discorsi di finanza creativa non me li aspettavo proprio.

9 Comments:

Posta un commento

<< Home